EMERGENZA CORONAVIRUS: I bambini in casa ai tempi del coronavirus

EMERGENZA CORONAVIRUS: I bambini in casa ai tempi del coronavirus

EMERGENZA CORONAVIRUS: pillole di sopravvivenza

Domenica 12 aprile sarà Pasqua, una festa che ha una lunga storia ed è di grande importanza per i Cristiani. Ma anche chi non prende in considerazione l’aspetto religioso, può cogliere un significato di speranza e gioia in questa festa: i culti legati alla terra hanno, infatti, da sempre festeggiato il momento in cui i fiori tornano a sbocciare, l’agricoltura torna a dare frutti, il calore del sole torna a scaldare e torna insomma la vita dopo il freddo dell’inverno.

Ed è questo uno dei significati che possiamo attribuire alla Pasqua: la rinascita di sole, temperature sempre più piacevoli, buon cibo e naturalmente le immancabili uova di cioccolato! 

Ma perché proprio l’uovo? Già nell’antichità Greci, Cinesi e Persiani usavano scambiarsi le uova come dono per le feste primaverili: questo gesto racchiudeva un augurio di fertilità e di abbondanza. “Tutti i viventi nascono da un uovo” e, dunque, nulla meglio di un uovo poteva simboleggiare l’arrivo della primavera e il conseguente risveglio della natura. L’uovo era dunque un simbolo pagano che successivamente venne assorbito anche dalla religione cristiana. Infatti nella tradizione cristiana le uova rappresentano la resurrezione di Cristo e la leggenda vuole che Maria Maddalena, tornando dal Sepolcro rimasto vuoto, s’imbattesse in Pietro che le disse: “Ti crederò solo se le uova che porti nel cestino si coloreranno di rosso”. A quel punto le uova diventarono rosse… Ed è da questa leggenda che deriva e giunge fino a noi l’usanza di colorare le uova.

Coloriamo le uova di Pasqua

Possiamo provare anche noi a colorare le uova insieme ai nostri bimbi utilizzando degli ingredienti naturali: in questo modo, potremo anche mangiarle dopo averle decorate!

Esistono numerosi ingredienti naturali per fare i colori: per l’arancione possiamo usare le cipolle; per il blu i mirtilli o il cavolo rosso; per il giallo la curcuma; per il marrone una bustina di tè nero; per il rosa le barbabietole; per il rosso la cipolla rossa; per il verde il prezzemolo e per il viola il vino rosso.

Per preparare li colori, facciamo bollire l’acqua con l’ingrediente scelto; abbassiamo il fornello e facciamo andare la miscela a fuoco basso per mezz’oretta circa. Versiamo l’aceto bianco; filtriamo e facciamo raffreddare.

Facciamo rassodare le uova e poi inseriamole nella miscela: più le lasciamo a mollo, più il colore sarà intenso. Possiamo anche avvolgere l’uovo con lo spago in modo tale che alla fine si vedano delle righe.

Per i più creativi, è possibile utilizzare i colori naturali con il pennello e creare dei bellissimi disegni sulle uova. 

Una volta raffreddate, è possibile lucidare le uova strofinandole con un po’ di olio e ripassandole con un panno. Le nostre uova sono pronte! Buona Pasqua e buon divertimento!

Vi ricordo che è mattino di Pasqua, E la vita e l’amore e la pace sono appena nati”. (Alice Freeman Palmer)