/* 738529-1551101898-ai */
0341 28 71 23 info@famkare.it

Essere “schiacciata” tra le esigenze dei tuoi figli e quelle dei tuoi genitori che cominciano ad accusare i segni dell’età, ecco cosa si intende per generazione sandwich.

Se ne fai parte sai che non è piacevole, vero?

Se cominci ad avere l’impressione di avere bisogno di un aiuto, non aspettare che sia troppo tardi e che intervenga un fatto traumatico (una caduta, per esempio) che poi fa “decidere” al posto tuo cosa occorre. E in tutta fretta per giunta.

Uno dei primi temi che dovrai affrontare è quello della delega. Non puoi farcela da sola. Individua quali persone possono sostenerti nel tenere in equilibrio le tue relazioni familiari. Un valido sostegno possono essere i collaboratori domestici, come una badante, una babysitter o una colf.

Se vuoi un supporto nella gestione dei tuoi genitori, ad esempio, uno dei partner per te è la badante.

Quali attività delegare a una badante

In primo luogo se pensi di avere bisogno di una badante forse ti è utile capire quali attività puoi delegarle, così da poterti ritagliare maggior tempo di qualità possibile per stare con i tuoi anziani.

Innanzitutto la badante è un collaboratore domestico, maschio o femmina, che si occupa di assistere una o più persone anziane. Se è convivente abita presso la casa degli anziani e la sua prima funzione è quella della sorveglianza.

La badante è una figura sempre più necessaria, anche se non possiede uno specifico titolo di studio nel campo dell’assistenza alle persone. Il suo compito è chiaramente tenere pulita la casa e in generale il luogo di vita degli anziani, si occupa di lavare gli indumenti in lavatrice e di stirare. Si tratta di attività “leggere”, che hanno a che fare con la tenuta in ordine dell’ambiente dove gli anziani vivono.

La badante si occupa anche dell’igiene personale degli anziani. Questa attività ha l’obiettivo di tenere alta la dignità di vita delle persone, che quindi se necessario sono accompagnate in bagno, lavate, sbarbate, etc … e quindi risulteranno sempre in “ordine”.

La badante non si occupa di attività di tipo sanitario, come per esempio iniezioni, medicazioni, etc … In quanto personale non preparato per questo compito è meglio avvalersi di personale dedicato, come l’infermiere oppure l’operatore socio-sanitario (OSS).

La badante si occupa anche di stimolare gli anziani e di mantenere il più possibile l’autonomia e le relazioni degli anziani, rendendosi disponibile ad accompagnarli a fare una passeggiata, così come in farmacia, a prendere il pane, etc …

Il consiglio del FamKoach

Per gestire al meglio situazioni così complesse è fondamentale chiarire quali sono i tuoi obiettivi personali, professionali e familiari. Cerca di capire cos’é funzionale per te, stabilisci delle priorità e trova persone in grado di aiutarti a portare avanti il tuo progetto.

Una delle caratteristiche del coaching applicato alla famiglia sta proprio nell’aiutare a individuare al meglio gli obiettivi e come raggiungerli in modo efficace.

Vieni a conoscere uno dei nostri FamKoach e fatti aiutare a trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze, attraverso un piano personalizzato e in linea con i tuoi obiettivi.